Care Concittadine e Cari Concittadini, mi permetto condividere queste riflessioni mentre per l’intero nostro paese è stato decretato lo stato di necessità; per la prima volta dopo la seconda guerra mondiale vi è una massiccia chiamata in servizio dell’Esercito e della Protezione civile; il Servizio civile è già in funzione a pieno regime da qualche giorno. Confederazione e Cantoni emanano giornalmente nuove direttive che sostituiscono le precedenti. Il conseguente stato di confusione tra i cittadini è palpabile e visibile. Purtroppo nonostante l’emergenza epidemiologica alcuni ancora vanno liberamente a spasso predicando che tanto “stanno tutti esagerando”. Per sottolineare ulteriormente la serietà del periodo che stiamo vivendo, anche il nostro Comune di Minusio si è mobilitato richiamando tutti i cittadini al rispetto delle regole. Personalmente sono convinto che grazie al rispetto delle regole impartite potremo superare anche questo difficile momento! Di persona vivo l’attuale esperienza non solo come cittadino e padre di famiglia ma anche come politico, chiamato con altri colleghi a concretizzare e far rispettare nuove regole. Sento conseguentemente il peso della responsabilità, e mi chiedo se ciò che abbiamo fatto sia corretto o se potevamo fare altro. Mi sento in dovere di dare risposte concrete e attuabili. Ciononostante ricevo delle critiche, che accolgo senza reagire sapendo che le indicazioni che abbiamo dato sono incisive e limitanti. All’azione delle autorità politiche dobbiamo dare fiducia! Il nostro motto dev’essere unanime: #Restiamoacasa che poi #Andràtuttobene. Alla domanda se era giusto oppure no rinviare le prossime elezioni comunali, non ho onestamente una risposta. Gli argomenti a favore e a sfavore sono tutti giustificati! Quale Municipale e vice Sindaco in carica il mio compito è ora quello di sostenere l’attività del Municipio. Nell’attesa del prossimo anno vi ringrazio quindi tutti per l’attenzione che mi avete sempre dedicato.